2019 – Dopo la caduta di New York

Vi ricorda qualcosa?

Di: Sergio Martino
Con: Michal Sopkiw, Valentine Monnier, Romano Puppo, George Eastman

Iniziamo subito dando a Cesare quel che è di Cesare. Questo è un bel film. Certo, qualche snob potrà aver qualcosa da ridire sulle vistose lacune della sceneggiatura, sui penosi dialoghi, sull’incredibile pippa umanitaria finale, o sui pregevoli palazzi newyorchesi sapientemente ricostruiti in cartone e Pongo. Al di là di tutto ciò, il punto di forza della pellicola è l’indubbia originalità dell’idea. La trama è assolutamente nuova. Tra parentesi i film copiat…citati.
E’ il 2019, anche se lo sappiamo soltanto dal titolo. Nel mondo, una catastrofe nucleare (Interceptor) ha decimato la popolazione, e i pochi sopravvissuti si sfidano in violente corse di macchine (Mad Max e tutti i film di corse fantascientifiche anni ’70). Il protagonista, che ha i capelli lunghi, veste di scuro ed è una vecchia conoscenza dei suoi carcerieri (Fuga da New York) viene portato dal presidente subito dopo averci spiegato che il mondo è pieno di replicanti (Blade Runner). Nella base della fantomatica Confederazione Panamericana gli viene affidata una missione: con la sua pistola laser (uguale a quella di Star Wars) dovrà cercare l’unica donna fertile del pianeta, che ovviamente si trova a New York. Parte con due compari scalcinatissimi, e corrono in mezzo al deserto con tre simil-Harley (Easy rider). New York è piena, oltre che di biechi cattivacci europei, di bande rivali (I guerrieri della notte). Catturati, vengono catturati da una tipa uguale a Rachel (Blade Runner) e da un imbecille pseudofilosofo che si fa trapiantare gli occhi (Blade Runner). Fuggendo, uccidono un pò di cattivi (Star Wars) con un sottofondo musicale orripilante ma quasi familiare (è uguale a quello dei Guerrieri). Qui le citazioni, chiamiamole così, si ripetono di continuo fin quasi a sparire, lasciando il posto a un pò di trash all’italiana. Ben due personaggi attirano la nostra attenzione: l’amico bendato (Fuga da New York), che ovviamente alla fine muore, e scopriamo trattarsi di un replicante (Blade Runner). E il nano, mitico personaggissimo della storia, la cui recitazione è quasi convincente: questo non dev’essere piaciuto a Martino, che lo fa morire in un modo insensato ma gustoso (si infilza in uno spuntone inesistente gridando al cattivaccio di turno “sei una merda!”). Alla fine trovano la ragazza, in coma in una bara di cristallo (La bella addormentata), grazie anche all’aiuto di un patetico personaggio scimmiesco, che abusa di lei senza dirlo a nessuno. Alla fine il protagonista aveva capito tutto fin dal primo minuto: che l’amico bendato era un replicante, che aveva l’ordine di ucciderlo, che l’uomo-scimmia ha abusato della ragazza,ecc. Il tutto è condito da un’esilarante scena di sesso tra il protagonista, sbiadita caricatura del Kurt Russell che fu, e un’abitante di New York, una bionda slavata destinata alla morte, che lo corteggia con frasi originali come “ti ho amato dal primo momento”. Che dire? Se avete trascorso la vostra infanzia negli anni ’80, è il film che fa per voi. Se l’avete trascorsa nei ’90, è utile per farsi una cultura.

Produzione: ITA (1983)
Punto di forza: essendo Martino un buongustaio e un intenditore (e qui non sto scherzando), copia solo da bei film.
Punto debole: ammettiamo che il buon Martino non è Carpenter, nè Hill, nè Scott.
Come trovarlo: suppongo sia uscito in DVD; ma non dovreste avere problemi a trovarlo via internet.
Da guardare: la sera, come guardereste Fuga da New York. Ma meno seri.

Pubblicato il gennaio 24, 2011, in 1980 - 1989, Catastrofici & Postatomici con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: