Una Magnum per McQuade

Norris VS Carradine!

Di: Steve Carver
Con: Chuck Norris, Barbara Carrera, David Carradine

“ti ricordi di me, mezzosangue?” “sì, non scordo mai uno stronzo”, prima di sparargli. Questo il tenore medio dei dialoghi in questa avvincente pellicola norrissiana, co-prodotta ancora una volta dall’infaticabile fratello Aaron. Qui, Chuck interpreta un ruolo nuovo per lui: il Texas ranger. Ma non uno qualsiasi: si tratta, indubbiamente, del ranger più sporco, sudicio, repubblicano, maleducato e cavernicolo mai portato sullo schermo (notare la scena in cui i colleghi lo sdegnano per la sua puzza). Il prode viene coinvolto da una bella messicana in un losco traffico d’armi. Ad aiutarlo, la controfigura di Lando Calrissian, un sosia di Roger Waters e un messicano paffutello e morbidoso. Dopo un prologo delirante copiato paro paro dai film di Sergio Leone, in cui Chuck elimina decine di ladri di cavalli messicani (nel 1983!), lo vediamo ricevere una lavata di capo dai superiori, non prima di aver acceso la sirena solo per passare sulle strisce. Quando il messicano va a casa sua, assistiamo ad una simpatica descrizione filmica della suddetta, un pò il covo del Repubblicano Modello: armi a volontà, bandiera americana, birra rigorosamente americana (rifiuta sdegnosamente una Heineken!), Coca-Cola, cervo appeso alla parete. Poi vediamo Chuck esibirsi in una inutile serie di acrobazie e mosse di arti marziali, oltrechè in una fuga con il suo pick-up lercio e tamarro dotato di NOS. Qui viene introdotto il cattivone della storia: il povero David Carradine nel suo periodo più buio, aiutato da un esilarante nano in carrozzella, che Chuck non mancherà di minacciare di morte. Insieme al messicano e a Roger Waters, prende in custodia J.F. Sebastian di Blade Runner e lo tortura inutilmente per ottenere informazioni. Da questo momento in poi, non c’è più pace per McQuade. Nell’ordine: gli feriscono gravemente la figlia, che poi gli rapiranno; spezzano il collo a Roger Waters; uccidono senza un perchè il suo lupo selvatico (ed è l’unica scena in cui Chuck prova dolore! Prende a pugni il terreno dicendo “NO!”); uccidono, sempre senza un perchè, la bella messicana; lo seppelliscono vivo insieme al pick-up durante un’azione notturna. Dopo esserne uscito soltanto ingranando la marcia, riprende la sua caccia, che è ormai una vendetta in piena regola. Per trovare Carradine (e la figlia; tra l’altro è la stessa trama di Kill Bill! Tarantino, vergogna!) si reca in un Messico da operetta, dove accarezza bambini e viene accolto dalle donne del luogo come una divinità. Lui, il messicano e Lando Calrissian mettono a ferro e fuoco l’intero Messico con l’ausilio di bazooka e bombe a mano trovate chissà dove. Infine, dopo l’uccisione di circa trecento scagnozzi, l’epico duello finale tra Norris (karate) e Carradine (kung-fu) si sviluppa ovviamente a mani nude, così da permettere al nostro eroe l’utilizzo del celeberrimo “calcio rotante al ralenty”, presente in quasi tutti i suoi film. Niente da dire: un film in puro stile Chuck Norris, che valorizza al meglio, quasi parodiandolo, il suo codice d’onore personale (leggetelo su Wikipedia, alla voce “Chuck Norris”: è a metà tra l’orgoglio repubblicano e l’omertà mafiosa).

Produzione: USA (1983)
Punto di forza: non siamo al livello di Invasion USA, ma come non apprezzare il putridume di fondo del film? Dopo averlo visto, senti quasi il bisogno di lavarti.
Punto debole: le ridicole sequenze romantiche, come la patetica citazione di Da qui all’eternità. Mai civilizzare Chuck Norris. MAI.
Come trovarlo: DVD, divx, e comunque lo trasmettono in tv abbastanza spesso.
Da guardare: una bella maratona: Hellbound, Invasion USA e questo.

Un piccolo assaggio: http://www.youtube.com/watch?v=r-6fY7gzT8w (qui c’è tutta la stupidità del film!)


Pubblicato il febbraio 16, 2011, in 1980 - 1989, Azione con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: