Hands of steel – Vendetta dal futuro

Mmm...dove ho già visto qualcosa del genere?

Di: Martin Dolman (Sergio Martino)
Con: Daniel Green, George Eastman, John Saxon, Claudio Cassinelli

Tipico film plagio del Terminator di Cameron, uscito nel 1986 e pieno di influenze in stile I guerrieri della notte. Insomma, il solito pastrocchio pseudo-fantascientifico diretto senza voglia dal grande Martino. L’ambientazione, in una città americana devastata dallo smog e dalle disuguaglianze sociali, ci mostra un vecchio cieco paralitico (sfiga!) che si batte contro una multinazionale inquinatrice. La tensione sociale si taglia con il machete, e nelle strade giacciono persino dei cadaveri. La multinazionale crea allora Paco, un burino robotico che non è neppure l’ombra di Schwartzenegger, e lo manda ad uccidere il povero attivista. L’omicidio sta per riuscire, ma all’ultimo momento il robot pacioccone ha un ripensamento, gli da una doppia manata (la sua arma migliore!) in modo troppo lieve e fugge dalle fogne. Incontrata una cameriera dolce e gentile, Janet Agren, che vorrebbe essere la nuova Linda Hamilton (ah!ah!ah!), affronterà per lei orde di camionisti ignoranti e arrabbiati, capitanati da un George Eastman in stato di grazia, e infine, braccato dai sicari della multinazionale, se la dovrà vedere con un cyborg donna dalle movenze abbastanza goffe e ridicole. Almeno in questo, Martino ha anticipato Le macchine ribelli. Non ho ben capito quale sia la rivelazione finale: in pratica, Paco scopre di non essere un cyborg, ma un robot vero e proprio, o comunque una roba del genere; Martino non spiega granchè. Il finale, troncato sul più bello dal malefico regista, lascia tutto a metà.
Cominciamo dicendo che la “vendetta dal futuro” c’entra come i cavoli a merenda: non c’è traccia di viaggi nel tempo per tutti i novanta minuti di film. Un richiamo commerciale a Terminator, suppongo. Il protagonista è esilarante nel suo tentare disperatamente di copiare Schwartzy; per renderlo più credibile, Martino ha pure scritto una scena in cui il cyborg si aggiusta i circuiti nel braccio, pateticamente copiata. E tuttavia la prima parte del film scorre in un mare di noia, dovuta anche alle poche scene d’azione vere e proprie e alla banalità dei cattivi (veramente malvagissimi!). L’apice del trash si raggiunge quando entrano in scena i camionisti: la loro stupidità è fuori dal comune, e la verve di Eastman la fa da padrone: mitica la sfida a braccio di ferro, in cui Paco umilia frotte di camionisti per poi farci a botte in una baruffa degna delle comiche di Benny Hill. Alla fine, spaventati dalla potenza dell’eroe, i capoccia inquinatori gli mandano contro un cyborg donna davvero ridicolo, truccato malissimo, con cui Paco e la sua donna (la cameriera frustrata di cui si diceva prima) combatteranno una strenua battaglia. Martino (o Dolman) tenta la strada del film serio, e purtroppo non si esibisce nelle prodezze registiche che hanno reso grande Dopo la caduta di New York.; questo contribuisce a consegnare il film al limbo dei “nè troppo, nè poco”. Fu l’ultima pellicola di Claudio Cassinelli, morto in un incidente in elicottero durante le riprese.

Produzione: ITA (1986)
Scena madre: l’epico scontro con i camionisti. Perchè l’hanno inserito?
Potresti apprezzare anche…: 2019: Dopo la caduta di New York.
Come trovarlo: DVD, VHS.
Da guardare: per fanatici del culturismo…

Un piccolo assaggio:  (burinissimo!)

 

Pubblicato il dicembre 23, 2011, in 1980 - 1989, Fantascienza con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: