Mars men – Gli uomini di Marte

Guardate quanto è ridicola quella statua!

Di: Seika Den
Con: I Fang Mien, Yeh Hsiao, Wen Chang Lung

Ok, parliamoci chiaro. Chi diavolo sono gli “uomini di Marte”?  Con un titolo così, uno si aspetta frotte di alieni che invadono la Terra. Sapete quanti marziani si vedono? Due. Ma vediamo di ricapitolare qualcosa della assurda trama: un bambino perde la sua pallina, e per trovarla si inoltra in un bosco dove scopre una catacomba sotterranea gigantesca in bella mostra. In sottofondo c’è Time dei Pink Floyd, ed è meglio non indagare su eventuali violazioni del diritto d’autore…intanto il nonno del bambino si sta trastullando con un vecchio film alla tv. Ecco, fino a qui il film sembrava avere un senso. Poi non si sa cosa sia successo, ma si presume l’uso di fortissime sostanze allucinogene. In pratica, compare in televisione un tizio a metà tra Gene Simmons dei Kiss e un cattivo di Sailor Moon: ebbene sì, quello è il capo dei marziani! Con un ridicolo videomessaggio alla Bin Laden, il mentecatto ordina ai terrestri di consegnargli la “pietra magica”, se vogliono scampare alla distruzione totale. A questo punto, Den si ricorda di essere giapponese. E invece di prendere esempio da Kurosawa, si butta a capofitto nel genere “mostro gigante”. Ma come, direte, non c’erano mostri giganti fino a questo momento! Detto, fatto: ce li mette lui. Gene Simmons e il suo ridicolo servitore, che lo chiama “possente signore” (!), diventano alti cento metri e iniziano a devastare i soliti modellini. E vanno avanti così per venti minuti buoni. Ma ecco che torna in scena la statuetta, che da vita a un demone protettore della Terra (se ho ben capito) che inizia lo scontro. A dargli man forte arriva Jumborg Ace, robot americano sbucato dal nulla, e inizia l’epico scontro a quattro. Non ci sono parole per descrivere il delirio finale, che è una sfida costante alle leggi della fisica e alla comune logica. Non vi riprenderete facilmente da uno spettacolo così vergognoso, e quando comparirà la parola FINE vi sembrerà di essere usciti da un viaggio con l’LSD.
La maggior parte della porcheria che si vede in questo genere di film è già stata recensita in altre pellicole giapponesi, e non c’è molto da dire. Aggiungiamo solo che qui i modellini sono più finti del solito, e gli attori che impersonano i giganti non si sforzano neppure di sembrare realistici. Una delle novità è costituita dalle spropositate reazioni dei terricoli all’arrivo degli UFO: pare che in Giappone la vista di un disco volante spinga i più a gettarsi a terra senza motivo, senza neppure provare a scappare. Mitici, in questo senso, i due pescatori che danno vita a una sceneggiata indegna gridando “buttiamoci in acqua!”. La domanda che sorge spontanea è però un’altra: considerato che il film è una produzione nippo-taiwanese, che diamine c’entra il robot americano Jumborg Ace? La verità è che il patetico e coloratissimo androide è stato protagonista di una serie tv a lui dedicata (qui potrete approfondire la cosa) e si tratta dunque di un cross-over raffazzonato alla bell’e meglio. L’impresentabile colonna sonora, composta da pezzi copiati dai film americani e da un funky anni ’70 terribilmente fuori luogo, fa da cornice a questa pellicola piuttosto interessante, non particolarmente preziosa per il trash in generale ma davvero succulenta per i fanatici del cinema nipponico di serie Z.

Produzione: Giappone\Taiwan (1976 ?)
Scena madre: lo scontro tra Gene Simmons\capo-marziano e un aereo giapponese. La cosa assurda è che l’aereo vola nello spazio, ma il gigante cattivo è sulla Terra!
Potresti apprezzare anche…: Inframan – L’altra dimensione.
Come trovarlo: vi basti sapere che taluni criticano persino la sua esistenza, additandolo come una manipolazione di precedenti serie tv, e datandolo a volte al 1973, altre al ’76. Non sperate di comprarlo. E’ però possibile vederlo su Youtube, come suggerito in basso.
Da guardare: solo per i fanatici del nippo-trash. Non so se gli altri siano disposti a rovinarsi la retina in questo modo.

Un piccolo assaggio:  (qui c’è il film completo. Nei collegamenti, si trovano alcune scene a caso per chi non volesse buttar via un’ora e mezza)

Pubblicato il gennaio 3, 2012, in 1970 - 1979, Fantascienza con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: