Sara contro tutti (recensione speciale by Il Carlo)

Copyright “Age of memes”, Facebook

[Special guest: Il Carlo]

Di: Guido Maria Ranieri (ma chi è? Nemmeno Maccio Capatonda…)
Con: Sara Tommasi e altri tre o quattro poveracci.

Dietro pressante insistenza del Carlo, nostro personale frugatore nei meandri più bui della cinematografia mondiale, dedichiamo questo post a una recensione un pò particolare, a luci rosse, vietata ai minori di 18 anni. Parliamo di Sara contro tutti, film pornografico girato, si dice, sotto l’effetto di cocaina e sotto il controllo di un microchip alieno (l’ha detto la protagonista). Tutte balle, certo, ma non meno credibili di quelle secondo cui la Tommasi sarebbe una “attrice” (lo dice anche Wikipedia!). Di solito, quando una non è proprio capace a recitare, diciamo che “dovrebbe darsi al porno”. In questo caso assistiamo all’incredibile: Sara Tommasi riesce a recitare male in un porno. Il Carlo spiega molto bene il motivo: “c’è differenza fra pornografia e scambio vicendevole di effluvi. La pornografia dovrebbe stimolare la libido: se vi tira con questo video rivolgetevi al Centro di Igiene Mentale della vostra zona. È solo squallore filmato e sfruttato a scopo commerciale. Merda totale” (notare l’indignazione tipicamente Carliana, che si lamenta dello “scopo commerciale”; com’è noto, i porno sono sempre girati per amore). Proviamo a raccontare la trama. Voi direte: e da quando c’è una trama, ci sono dei dialoghi in un porno? Ci sono, ci sono! La Tommasi si rivolge agli spettatori dicendo che “ama l’Italia, perchè ci sono le tre S: sesso, soldi e successo”. A lei “piacciono tutti e tre”, e quindi è molto felice di partecipare al film. Seguono una presunta scena lesbo, abbastanza classica, e una cosa a tre. Il finale è quello tipico di tutti i film porno, con alcuni omaccioni che generosamente esprimono la loro soddisfazione sul volto della Tommasi. Ci siamo capiti. Il Carlo fa notare, giustamente, come i partner maschili non siano minimamente credibili, e sulle loro facce, ossessivamente inquadrate in primo piano provocando crisi di pianto dalle risate nello spettatore, sia evidente lo sforzo di fingersi eccitati in una scena girata come fosse una bambola gonfiabile.
Personalmente non avremmo recensito questo putridume neppure sotto tortura, ma Il Carlo ci teneva tanto, e non aveva torto quando lo ha definito “il Parentesi tonde della pornografia”. Scusate la volgarità, ma tutto qui fa schifo al cazzo. Il commento più positivo trovato online lo definisce “eccitante quanto una Messa”. Le credenziali della protagonista sono ottime: nel suo curriculum vanta alcune pubblicità dei libri di Alfonso Luigi Marra, che da anni si batte contro il signoraggio, una delle peggiori bufale complottiste (cui lei ovviamente crede), un coinvolgimento nel processo Ruby sulle “cene eleganti” di Silvio Berlusconi e le ultime dichiarazioni su droga, alieni e microchips. Vedrete, in poco meno di quaranta minuti, eseguire alcune delle più famose pratiche sessuali con uno sguardo vitreo, al limite della perdita di coscienza, e pronunciare frasi “sporche” talmente antiquate da non poter soddisfare neppure giovani onanisti in cerca di filmati hard in quella mezz’ora in cui la madre è a far compere. Non c’è altro da aggiungere, anche perchè, per ovvie ragioni, sceneggiatura ed effetti speciali sono totalmente assenti. Anche questa volta, è stato pagato il pegno al Carlo, che dopo averlo visto ha cercato tutto lo staff della Cinewalkofshame per esprimere la seguente lamentela: “la componente anal è quasi totalmente assente!”

Produzione: amatoriale, direi…ITA (2012)
Scena madre: non è una scena, è una battuta: “godo, godo come una porca, sono zoccola”, il tutto pronunciato con la voce e il pathos di chi sta ordinando un Big Mac al fast food di Porta Nuova prima di partire per Milano.
(no, non esistono punti deboli o punti di forza: questa roba è al di là del bene e del male)
Potresti apprezzare anche…: tua zia mentre si fa la doccia. No, non so come sia fatta tua zia, ma sicuramente è più eccitante da vedere.
Come trovarlo: tenendo conto che è un porno, è palese che si trova su Internet. Se può aiutarvi, date un’occhiata qui: [http://iloveuncharted.forumfree.it/?t=62267945#lastpost], sono aggiornati sulla data di uscita e ci sono alcune immagini di anticipazione.

Un piccolo assaggio:  (il meraviglioso trailer su Youtube in cui viene pronunciata la battuta chiave)

No, no, niente voto. Non ne abbiamo il coraggio.

Pubblicato il luglio 8, 2012, in 2010 - ?, Altri Capolavori con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 10 commenti.

  1. Questo film è una speranza per tutte le donne: difficilmente anche la più inibita riuscirebbe a dire peggio di così frasi porche a letto.

  2. Marra: Sara e il Papa sodomita; Denis Verdini, il suo prode amico De Vincenzo e i servizi segreti; il TGCom, Le Iene, Sky, internet, la setta e la finta disfunzione della giustizia quale vera causa di tutti i mali. L?ABIEZIONE DI MASSA.

  3. che bagasciona ahah

  4. mentre lo guardavo ero a dir poco spaventato dalla sua faccia inespressiva e sempre con gli occhi aperti non li chiude per un attimo cazzo….

  5. Il Porno di Sara progettato a tavolino dai servizi segreti per screditarla come testimonial di Marra? Perché la magistratura, che avrebbe potuto interrogare tutti in un giorno e assumere ogni provvedimento, e innanzitutto bloccare il video, a distanza di due mesi ancora studia? Cosa c’è da studiare?

  6. Anche Sgarbi contro il signoraggio
    Il fronte anti-signoraggio si allarga a macchia d’olio. C’è però un grande assente: la magistratura. Magistratura che tace in concorso con la cupola planetaria (quella si una vera cupola criminale organizzata) delle dinastie che stanno dietro le banche e truffano persino gli azionisti delle banche stesse, oltre a tutto il resto della società. Dinastie criminali che, per fini demenziali di dominio, stanno usando un incredibile falso in bilancio (vedi dal video) per rastrellare tutto il denaro del mondo e spingere verso il fallimento gli Stati e le banche stesse.
    PAS-RiformiamoLeBanche

    • Apprezzo lo sforzo, Luna. Ma qui ci occupiamo di film trash. Non siamo un blog politico. Comunque preciso due punti: 1) Sgarbi è un personaggio disgustoso 2) Il complottismo da quattro soldi qui non attacca. Grazie comunque per l’attenzione🙂

  7. Io so solo che una mia amica ha incontrato a una festa preservativo man come si chiama e le ha detto che paolo berlusconi gli deve 5 0 mila euro per un pompino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: