Dall’altra parte del cult – Intervista a Manzo Del Toro

Intervista sconsigliata ai bambini, ai deboli di cuore, ai bigotti e ai Comitati Anti Pornografia.

Continua con questa seconda puntata la sezione “dall’altra parte del cult”, serie di interviste a personaggi del mondo del trash inaugurata con la chiacchierata insieme ad Andrea Marfori. Questo tipo di articoli sarà piuttosto raro, in quanto non è affatto facile contattare attori e registi; e una volta contattati, è comunque difficile riuscire a realizzarci qualcosa.
Il nostro protagonista di oggi è Manzo Del Toro. Il suo nome non dirà nulla a quasi nessuno, ma molti italiani, ne siamo certi, sanno di chi si tratta: è il protagonista maschile di Sara contro tutti, l’ormai celebre film hard della showgirl italiana Sara Tommasi, che ultimamente sta spopolando nei forum e nei siti porno. Manzo (il suo è ovviamente un nome d’arte) è un giovane attore porno dalle idee piuttosto chiare sul futuro, e fin da subito ha acconsentito senza esitazioni a rispondere alle mie domande. Avvertiamo che il linguaggio da lui utilizzato è incredibilmente esplicito, e chi non ama l’abbondante uso di turpiloquio potrà storcere il naso. Tuttavia, l’accordo era che non ci fossero censure, e per correttezza è giusto pubblicare le sue parole. Signori, quest’uomo ha dovuto sopportare la Tommasi sul set, e già solo per questo si possono anche capire certe sue posizioni un pò maschiliste. Del resto, nonostante la sua improvvisa notorietà, siamo riusciti a realizzare questa piccola intervista in 24 ore, ridendo e scherzando. Ecco che cosa ci racconta il protagonista del porno più comico d’Italia.

K: Ciao Max, o Manzo, grazie per la disponibilità. Innanzitutto, togliamoci qualche curiosità: cosa ci dici del mondo del porno? E’ davvero così terribile come lo dipinge la gente?

M: Ciao a voi. Il mondo del porno rispecchia esattamente quello che accade nella realtà, solo con una trasparenza che ti impedisce di negare ciò che normalmente verrebbe nascosto…nel mondo di tutti i giorni puoi fare il lurido o la smarchettona strafatta per anni senza che nessuno lo sappia, oppure esporti pubblicamente per quello che sei prendendo però una strada senza ritorno. Quest’ultima è il porno.

K: Definizione interessante. Come hai iniziato la tua carriera nell’hard?

M: Come hanno iniziato molti. Dopo un anno che rompevo le palle a un regista per farmi fare un film, una sera in un night conobbi una spogliarellista che voleva diventare attrice…ci stetti insieme solo qualche giorno (come di consuetudine, in questo ambiente) ma riuscii a girare il primo film…uno dei passi piu difficili per un aspirante attore. Il resto sono cose abbastanza normali.

K: Veniamo al motivo di questa intervista, che tutti potranno immaginare. Tu sei protagonista di Sara contro tutti, un film di cui si parla parecchio ultimamente. Come è stato lavorare con la Tommasi? L’umanità intera concorda nel definirla un palo di legno, almeno come recitazione e come eccitazione provocata.

M: Difficilissimo. Metà della troupe voleva strozzarla. E’ la classica macchinetta mangiasoldi robottizzata da anni di catena di pompaggio. Meccanica, scazzata, menosa, pazza e totalmente fusa da anni, fin da prima del film, a causa del vizietto della barella…se ci aggiungi le scimmiate sul set, i problemi vari e una certa dose di stronzaggine capisci le motivazioni di quella metà della troupe.

K: Lei sostiene che il comportamento sul set era dovuto alla droga, che sarebbe stata costretta ad assumere…

M: La cosa incredibile è che in tutta questa storia non c’era niente di studiato a tavolino, era quasi tutto improvvisato.

K: Come ti sei trovato ad essere protagonista di uno dei filmini hard più discussi dell’anno, che in questi giorni sta avendo un successo strepitoso?

M: E’ uno dei film più venduti nella storia del porno, nonostante sia stato messo in poche ore online in parecchi siti free…io l’ho vissuta solo come una giornata angosciante e sono esattamente uguale a prima, pero devo dire che tutti gli altri sono cambiati nei miei confronti diventando molto piu disponibili…

K: Insomma, se mi passi il sottile doppio senso, almeno la testa non te la sei montata?

M: Ma no…diciamo che l’unico cambiamento che ho notato in me è che all’aumentare della quantita di faiga in arrivo mi diminuiscono proporzionalmente le voglie matrimoniali…non vorrei che il successo mi facesse perdere la testa facendomi perdere di vista quelle che sono le persone importanti.

K: Hai realizzato altre cose oltre al capolavoro pornocomico con la Tommasi?

M: Ho già girato un altro film per ATV, il titolo è 3×1, è andato benissimo, finalmente mi sto abituando al set….ero bello rilassato con una tipa normale e devo dire che stavolta mi sono pure divertito…l’intento era di sparecchiargli le chiappe in 3 ma al terzo non ha funzionato per mezz’ora e intanto io c’erano anche il marito e dieci persone e noi dovevamo andare avanti, e mentre facevamo lei mi dice “ma che cazzo scopiamo a fare, tanto non ci stanno filmando!”, e rideva pure il marito…è stato molto divertente.

K: Dovessi scegliere una partner per una scena hard?

M: Allora, potendo scegliere la partner più figa, più pazza, che mi fa più sesso, più sballona eccetera io mi vedrei bene sul set a crocefiggere a morte di uccellate Christina Miro di Tamarreide (seguono versi di approvazione).

K: Torniamo all’intensa recitazione di Sara contro tutti. Non ti fa effetto essere apparso in una roba così involontariamente ridicola?

M: Vi dico, non vi lamentate troppo per il film di Sara che erano secoli che non si rideva così…gli sguardi e le grida sono entusiasmanti…garantisco che nei prossimi film la FM VIDEO si farà perdonare con altre star della tv, che ci regaleranno multiorgasmi multipli osceni (?)…soprattutto una…e pregate insieme a me che ci sia.

K: Grazie mille, Manzo. Vuoi fare un saluto alla Cinewalkofshame? E magari IlCarlo, che s’è battuto allo spasimo perchè lo vedessimo e recensissimo?

M: Saluto tutti i lettori della Cinewalkofshame, in particolare il coraggioso Carlo, augurandogli sempre il meglio per il loro pene e rassicurandoli che stiamo lavorando sodo per il loro piacere…e ne approfitto per ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile tutto questo….ovverossia io e il mio cazzo. Ciao ragazzi!

Qui termina l’intervista con Manzo Del Toro. Nonostante il suo modo di parlare rude o maschilista che sia, è stato molto cortese e molto spiritoso durante la discussione. Ricordatevi che per ogni porno che Sara Tommasi gira, c’è sempre qualcuno a cui tocca di sopportarla.

(aggiornamento: saputo che il compleanno de IlCarlo è alle porte e conosciuto il suo ruolo nella ricerca e nella visione del film, Manzo ha voluto aggiungere la seguente dedica: “giovedi devo fare un film con quella grandissima zozzona di Lea di Leo. Adoro quella pazza e dedicherò la chiavata al nostro caro amico Carlo, che ci segua da casa tenendo alta la bandiera italiana a mani nude”. Uno si fa il mazzo per la Cinewalkofshame, ma le soddisfazioni arrivano!)

Krocodylus1991

Pubblicato il luglio 19, 2012, in Dall'altra parte del cult - Le interviste possibili con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. grandissimo!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: